Intervista ad uno scommettitore professionista

Scommettitore professionista: l’intervista completa ed inedita

scommettitore-professionista-intervistaIo faccio scommesse sportive online da molti anni, sebbene guadagno ogni mese e mi ritengo un esperto oggi non parlerò di me (non mi auto-intervisto) ma scriverò l’intervista fatta ad un famoso scommettitore professionista di cui sono amico da diverso tempo e dal quale ho appreso la metodologia di gioco. Consiglio di leggere questo articolo che ho nominato “scommettitore professionista: intervista” sopratutto a chi vuole scommettere su internet e farne un attività redditizia che paghi davvero.

INTERVISTA AL MIGLIOR SCOMMETTITORE DI CALCIO

Non lo dico io, lo dicono i fatti e poi è come lui stesso si definisce, il migliore scommettitore di calcio (del quartiere ahaha). In realtà è davvero bravo (non solo sulle scommesse sul calcio sulle quali comunque è specializzato) e fa palate di soldi, vediamo cosa ci dice…

Io:
ciao, come ti chiami e perchè hai deciso di rispondere alle mie domande che, come sai, renderò pubbliche sul mio blog?

Scommettitore Professionsita:
Ciao, mi chiamo Max e sono felice di farmi intervistare da te in primis perchè siamo amici di scommesse (e non solo) di vecchia data, inoltre come sai sono molto orgoglioso e mi piace poter anche vantarmi delle mie gesta e della mia bravura con le scommesse sportive. Scherzi a parte, ho piacere nel confidare alcuni consigli che potrebbero far vincere un pò di più chi invece è tristemente abituato a perdere soldi con le scommesse on line.

Io:
Bene, direi che le premesse sono ottime. Prima domanda: a che età hai fatto la tua prima scommessa? E su cosa?

S. P.:
Avevo circa 13 anni e fu una scommessa con un mio amico, oltre ad essere una scommessa era principalmente una sfida tra noi due tra chi sarebbe riuscito a conquistare una ragazza. Come finì? Perdemmo entrambi. Questa fu la mia prima “scommessa”.  In quanto invece alle scommesse sportive riconosciute e “legali” a tutti gli effetti posso dire che a 18 anni ed 1 ora ero già in una sala scommesse.

Io:
Quando hai capito di essere diventato talmente bravo con le scommesse sportive da averne fatto una professione?

S. P.
Prima di iniziare a guadagnare con costanza ho perso davvero tanti soldi e se ci ripenso tante volte ho agito stupidamente. Un giorno ho capito che mi annoiavo a buttare via soldi e che con impegno e razionalità avrei potuto guadagnare come facevano altri formidabili scommettitori, solo che gli altri poi buttavano tutto al vento per diversi motivi (eccessiva foga, emotività mal gestita, fissazioni, cattiva gestione dei propri soldi) così impostai la mia “carriera” su due step: per prima cosa imparai i sistemi vincenti che portavano risultati migliori, come seconda cosa (ma ancora più importante) imparai TUTTI gli errori che gli altri (io compreso) commettevano ed inizia a NON commetterli più. In questo modo, poco alla volta, le vincite che ottenevano si sommavano ad altre vincite piuttosto che perdere tutto con gli interessi. Quella fu la mia svolta.

Io:
Quali sono gli sport sui quali preferisci puntare?

S. P.
Di solito punto su tutto. Il calcio è lo sport che prediligo, anche ante-post, mentre il tennis è quello che punto di meno ma che mi da invece ottimi risultati in LIVE come il basket.
Diciamo che, in linea di massima, tutti gli sporti 1 vs 1 dove non è previsto il pareggio come risultato li adopero per scommesse live in tempo reale in determinati momenti in cui le quote sono più alte.

Io:
Quanti soldi guadagni al mese con le scommesse?

S. P.
Diciamo che ormai sono costantemente sopra i 2.500 euro di profitto netto al mese, chiaramente dipende anche dai periodi in base agli eventi. Quando ci sono eventi particolari come i Mondiali di Calcio o le Olimpiadi posso anche triplicare queste cifre.
Altro parametro da tenere in considerazione è anche il money management, ogni puntata che faccio è ponderata così come l’importo che metto in gioco. Alcuni mesi preferisco puntare di meno mentre alti alzo la posta in gioco. Il mondo delle scommesse è molto vario e tutto può cambiare quindi bisogna essere bravi a sapersi adattare.

Io:
quali consigli puoi dare ai principianti che vogliono diventare dei professionisti nel campo delle scommesse?

S. P.
Per prima cosa direi di imparare come si gestiscono i propri soldi e di fare corsi di auto-controllo. Per esperienza personale (diretta ma anche indiretta, frequentando le sale scommesse fisiche ho visto centinaia di tipi di scommettitori e tutti i loro errori) posso dire che queste cose contano ancora di più nell’essere bravi a formulare pronostici vincenti o nell’avere fortuna. La fortuna conta, senza dubbio, ma per uno scommettitore professionista è un parametro fastidioso che si vuole annullare perchè dove c’è fortuna c’è “il caso” e questo non va bene considerando che i propri soldi devono fruttare.
Quindi scommettere in modo professionale non significa provare a sbancare facendo la bolletta vincente del secolo (a botta di culo) ma ottenere rendimenti periodici che per chi gioca tanto per possono essere anche miseri (pensa se dici ad uno scommettitore qualunque: punta ad 1.10, ti ride in faccia) ma che in realtà sono il 10, 20, 30% ed oltre, rendimenti che non si trovano da altre parti e che se si commissurano ai rischi a volte sono davvero convenienti.

Io:
Grazie Max per il tempo che ci hai dedicato, a nome mio e dei miei lettori.

S. P.
Grazie a te, spero di essere stato utile.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...